Bel tempo, si ritorna in moto, ma occhio ai controlli. Ecco qualche consiglio

Bel tempo, si ritorna in moto, ma occhio ai controlli. Ecco qualche consiglio
eberhard grossgasteiger per pexels
Tiscali Shopping

A breve risveglieremo le nostre moto dal lungo sonno invernale per le prime gite primaverili, ma prima di infilare il casco (e magari anche la tuta) è sempre meglio effettuare una serie di controlli, per sincerarsi che tutto funzioni a dovere ed evitare brutte sorprese mentre si è in viaggio.  Visto che la moto è un veicolo delicato, vi consigliamo di rifarli circa una volta ogni uno o due mesi, specialmente se la usate anche quotidianamente per recarvi al lavoro. Controllare la batteria è ovviamente tra le prime cose da fare: se durante l’inverno avete scollegato i cavi e avete una batteria di tipo “sigillato” dovrete solo riattaccare i cavi e la moto è pronta per partire.

Se invece avete una batteria “standard” svitate entrambi i tappi e controllate che il liquido con elettrolita all’interno sia tra i livelli minimo e massimo e, in caso contrario, rabboccate il livello utilizzando acqua distillata. Se invece non avete scollegato i cavi il livello del liquido sarà a posto, ma se la batteria dovessere "a terra" vi basterà semplicemente ricaricarla con uno starter, che tra l’altro vi potrà essere utile anche in caso di lunghi viaggi. Anzi, date le dimensioni compatte e il prezzo non eccessivo, vi consigliamo caldamente di comprarlo. Inutile aggiungere che se la batteria dovesse essere completamente andata, la soluzione migliore è quella di ricomprarla direttamente, senza girarci troppo intorno.

Le gomme sono un altro di quegli elementi da controllare con particolare attenzione. Dopo qualche mese di inattività è probabile che siano leggermente sgonfie, riportatele alla corretta pressione ed effettuate il controllo abbastanza spesso. Se durante il controllo notate che il battistrada è particolarmente consumato chiedete un parere al vostro gommista di fiducia, ed eventualmente considerate l’acquisto di gomme nuove. D’obbligo anche una approfondita controllata ai freni verificando che i dischi non siano usurati e le pastiglie consumate, ricordatevi che una frenata efficente può salvarvi la vita e quindi tutto il sistema frenante deve essere in condizioni sempre perfette.

Se vedete che uno solo di questi componenti sia più usurato del solito correte ai ripari e procuratevi il kit dischi e pastiglie di ricambio il prima possibile, acquistandolo voi e facendolo installare dal vostro meccanico di fiducia potreste risparmiare qualcosa e soprattutto scegliere i dischi e pastiglie più adatti alla vostra moto e alle prestazioni che volete da essa. Una controllata all’olio motore datela sempre, con l’ultimo utilizzo avvenuto mesi prima potreste aver dimenticato che dopo due stagioni a macinare chilometri potrebbe essere drasticamente diminuito. Valutate bene quale prendere ma non siate avari, avere un motore ben oliato ne allunga la vita più di quanto possiate pensare.

Controllate tutto il reparto luci, dai fari alle luci di direzione ma anche la luce della targa e tutte le varie spie luminose del cruscotto. Le moto sono più piccole delle auto e quindi farsi vedere bene dagli altri veicoli è fondamentale per la sicurezza. Se non è necessario cambiare totalmente fanali e frecce direzionali date loro una buona pulita con qualche liquido rinnova fari. Non molti lo fanno, ma è da motociclisti attenti al dettaglio controllare anche la tensione della catena: questa operazione andrebbe fatta regolarmente, specialmente se si percorrono strade dissestate, ma dopo il riposo invernale è davvero consigliata.

Dopo averla controllata spruzzate dell’olio lubrificante tra le maglie, ma se vedete qualche segno di usura preoccupante provvedete ad acquistarne direttamente una nuova. Se avete in previsione qualche lungo viaggio magari in solitaria, valutate di portarvi dietro anche un kit d’emergenza per la riparazione delle gomme, occupa poco spazio e potrebbe salvarvi da improvvise brutte situazioni, del resto anche una gomma nuova di zecca si può forare. Se siete soliti portarvi dietro qualche cosa in più e viaggiate spesso con borse o bauletti, prendetevi la briga di controllare attacchi e chiusure, dopo qualche anno di utilizzo ed esposizione ad intemperie potrebbero avere bisogno di essere sostituiti, in giro ce ne sono di tutti i prezzi sia in versione rigida che morbida. Proteggete la vostra amata moto dalle intemperie, soprattutto se sarete costretti a lasciarla all’esterno.

Un buon telo copri moto la metterà al sicuro da pioggia, neve e sole, inoltre non farà vedere che tipo di moto avete, per cui in caso di modelli particolarmente costosi avrete una possibilità in più che i ladri non la notino.  Sicuramente sarete in possesso di una robusta catena, però se sapete già che la lascerete in zone poco custodite procuratevi un antifurto blocca disco. Sarà un’ulteriore garanzia di sicurezza e potrebbe scoraggiare il ladro meno esperto. Infine se non lo avete già procuratevi un navigatore specifico per moto, fissare lo smartphone al manubrio è più economico, è vero, ma se cade, si rompe o succede qualcosa rimarrete senza navigatore e senza smartphone. Non sarà un accessorio indispensabile per la vostra moto, ma sicuramente è il più utile quando si viaggia.