Cambio di guardaroba: dimentica Marie Kondo e prova questa tecnica

Dimentica gli insegnamenti di Marie Kondo, le pile giganti di vestiti accatastate ovunque e giornate spese a dare un senso all’armadio. Affronta il cambio del guardaroba a piccoli step.

Cambio di guardaroba: dimentica Marie Kondo e prova questa tecnica
Tiscali Shopping

Sull’onda dell’entusiasmo globale, anche tu hai fatto un repulisti del tuo guardaroba seguendo alla lettera le indicazioni di Marie Kondo...e ora ti ritrovi cassetti, armadi e scarpiere ancora in disordine? È normale: pensa a quante volte nel corso dell’anno apri gli armadi, sposti i capi di abbigliamento, cerchi qualcosa e spesso non la trovi.

L’amara verità che dobbiamo imparare ad accettare è che il disordine fa parte della nostra vita, a meno di non essere schiavi della nostra stessa casa, vivendo in punta di piedi e sacrificando ogni minuto libero a rassettare e sistemare ogni angolo dell’appartamento. Questo non vuol dire però che non serva un po’ di disciplina, soprattutto durante il cambio di stagione. Se però, anno dopo anno, continuerai a sistemare il guardaroba, scartare i vestiti che non indossi più, riparare quelli che hanno qualche problema ma vuoi tenere, vedrai che il cambio di guardaroba non ti porterà via più di qualche ora a stagione e l’ordine durerà sempre un po’ di più.

Se hai già fatto un repulisti importante di armadio e cassetti gli scorsi anni, non temere: quest’anno il lavoro sarà più leggero. Se invece è il primo anno che affronti gli angoli oscuri dove hai impilato oggetti che non usi più fatti coraggio: sarà faticoso, ma ne uscirai più leggera e organizzata.

Procedi per step

C’è chi dedica un intero fine settimana al cambio di guardaroba, uscendone distrutto e stanchissimo. Non ne vale la pena. Ti accorgerai presto che dopo un po’ di ore, quando la stanchezza comincia a farsi sentire, tentennerai di più nello scartare un capo, o al contrario butterai qualcosa di cui ti pentirai più tardi. Certe decisioni vanno prese a mente fresca, quindi procedi per gradi.

Un buon punto di partenza è la scarpiera, che intimidisce meno dell’intero guardaroba. Elimina le scarpe consunte o rovinate, scarta quelle che non vuoi più mettere, donandole nelle apposite campane che raccolgono abiti e scarpe dismessi. Se hanno un certo valore e sono in buono stato, puoi anche provarle a vendere su eBay: la soddisfazione di sapere che non sono finite in una discarica e che altri le stanno indossando e amando (e di ricevere anche un piccolo gruzzolo) non ha pari.

Se anche avendo scartato un po’ di paia di scarpe proprio non riesci a fare ordine, forse il problema è che hai troppo poco spazio per troppe paia di scarpe. Dai un’occhiata su eBay: troverai un sacco di organizer per scarpe che ti permetteranno si tenerle in ordine, senza rovinarle, anche quando non hai una scarpiera a disposizione e sei costretta a usare armadi e altri angoli della casa per riporle.

 

Pulisci bene prima di riporre i capi

Che tu stia riordinando la scarpiera o il guardaroba, non limitarti a risistemare il contenuto: pulisci tutto per bene! Negli armadi infatti si accumulano polvere e sporco, che danno origine a quel sgradevole “odore di chiuso” che spesso i capi riposti al loro interno per molto tempo acquisiscono. Se poi hai l’abitudine di riporre vestiti già utilizzati, potrebbe esserci anche un sgradevole tanfo di sudore. Sarebbe bene non riporre mai ciò che è stato utilizzato in mezzo alla biancheria pulita. Se i tuoi armadi sono in legno, mi raccomando, utilizza un prodotto specifico: sgrassatori troppo aggressivi potrebbero rovinarne la superficie. Una volta spolverato e pulito, lascia l’armadio aperto per qualche ora, arieggiandolo per bene.

In questa occasione è necessario fare piazza pulita di tutto ciò che è sporco anche tra i capi che contiene. Prima di riporre i capi fuori stagione vanno lavati o portati in tintoria, se necessitano di un lavaggio a secco. Anche le scarpe vanno pulite e lavate: specialmente le solette delle sneakers! Basta un po’ di acqua calda con sapone di bucato, una bella asciugatura all’aria aperta e sembreranno come nuove.

Diciamo la verità: è davvero noioso pulire e lavare ciò che stiamo per riporre...ma ringrazierai la te stessa del passato quando, nel momento del bisogno, tra qualche mese cercherai disperata quel maglione o quello stivale e lo troverai pronto all’uso, pulito, profumato, lucidato.

Ora che è tutto pulito, puoi coccolare un po’ te stessa e il tuo armadio sistemando un antitarme profumato o un profumatore dedicato. Per evitare l’arrivo di insetti che possano rovinare i capi, è importante pulire di tanto in tanto gli armadi, con i prodotti giusti.

 

Prova nuovi sistemi di organizzazione dell’armadio

Hai ridotto il numero dei capi nell’armadio, hai pulito tutto e sei pronta a riporre il tuo guardaroba al suo posto. Prova a farlo in maniera differente. Avrai notato che ci sono parti del guardaroba che riordini in un attimo e cassetti che sono in costante disordine. Quando l’ordine dura a lungo, significa che hai trovato il metodo giusto per te.

Sbizzarrisciti, cerca qualche tutorial online, prova nuove disposizioni dei capi. Il peggio che possa capitare è trovare di nuovo tutto in disordine alla prossima stagione. Se invece azzeccherai la giusta combinazione per i tuoi spazi e le tue inclinazioni, vedrai che l’ordine sarà sempre più duraturo in armadi e cassetti.

Dedica una coccola in più ai capi importanti a cui tieni molto o di grande valore: riponili in una custodia traspirante e antipolvere, in modo che non si riempiano in polvere e si conservino al meglio. Se hai tanti accessori o molte borse, puoi valutare l’acquisto di una scatola o un organizer dove riporle.