Cappa cucina: una guida per scegliere quella giusta

Elemento indispensabile per scongiurare la diffusione di odori, fumi e vapori dentro casa. Ecco tutto quello da prendere in considerazione quando si acquista una cappa

Cappa cucina: una guida per scegliere quella giusta
Tiscali Shopping

Elettrodomestico fondamentale all’interno di ogni cucina che si rispetti, la cappa non dovrebbe mai essere sottovalutata o scelta senza tenere in considerazione particolari criteri. Indispensabile soprattutto se inserita in un ambiente open space, che racchiude cucina e zona living Insieme, perché non solo tiene a bada gli odori, a volte anche spiacevoli, del cibo in cottura, ma è capace di filtrare i grassi, che altrimenti finirebbero dritti su pareti e tessuti, e purificare l’aria eliminando i vapori prodotti in cucina.

Anche l’illuminazione è un aspetto da valutare, la cappa infatti può rivelarsi un’ottima alleata quando siamo ai fornelli, permettendoci di avere la giusta luce durante la preparazione delle pietanze. Tradizionalmente venivano utilizzate le lampadine incandescenti, ma una soluzione a luci LED è decisamente la scelta ottimale per risparmiare energia e illuminare al meglio il piano cottura.

Tralasciando per un attimo il design, nonostante rimanga un elemento capace di condizionare una decisone finale, vediamo brevemente quali sono le caratteristiche principali da tenere d’occhio nella scelta di una cappa.

CAPPA ASPIRANTE O CAPPA FILTRANTE

È forse la prima distinzione da fare: la cappa ad aspirazione necessita di una canna fumaria, dotata di un sistema di aspirazione appunto capace di raccogliere odori, vapori e fumi attraverso la canna fino all’esterno. Una cappa filtrante invece non ha bisogno di una canna fumaria, tutto quello che viene aspirato viene riemesso nell’ambiente, purificato da un sistema di filtraggio interno (formato da filtri anti grasso e filtri anti odori ai carboni attivi). Sta a voi capire quale delle due fanno al caso vostro, tenendo in considerazione soprattutto le dimensioni della cucina e il tempo che solitamente passare lì dentro, un modello filtrante è perfetto per chi cucina poco o ha davvero uno spazio limitato. 

DIMENSIONI

Quali sono le dimensioni giuste per una cappa? Solitamente è bene che sia un po' più larga o almeno uguale al piano cottura, in modo da garantire una aspirazione ottimale, si rischierebbe altrimenti di rendere la cappa poco funzionale. In commercio troverete delle misure standard che partono dai 60 cm e arrivano fino ai 90 o addirittura a 120 cm a seconda delle vostre esigenze e del vostro piano cottura. 

MODELLO E MATERIALE

I materiali utilizzati per la realizzazione di una cappa sono quasi sempre l'acciaio inox o il vetro temperato, grazie alla loro capacità di resistere anche alle alte temperature e alla facilità con la quale è possibile ripulirli. Il modello invece dipende strettamente dalle dimensioni della vostra cucina e dalla tipoligia del piano cottura. In commercio ne esistono di diversi, ma i più utilizzati sono tre: la cappa a parete, a incasso/scomparsa o a isola. Quelli a parete sono i modelli più acquistati, tipici delle cucine standard che non necessitano di particolari cambiamenti, le cappe a incasso invece sono perfette per chi preferisce nasconderle all'interno di uno scomparto della cucina, rendendole quasi invisibili. Insolite invece le cappe a isola, sospese sopra il piano cottura, anch'esso a isola, e installate direttamente sul soffitto (le avrete viste almeno una volta in qualche ristorante). 

CAPACITÀ DI ASPIRAZIONE

Per capacità di aspirazione si intende la quantità di aria aspirata o filtrata all’ora dalla cappa e viene misurata in metri cubi/h. È fondamentale tenere in considerazione le dimensioni della stanza dentro la quale la cappa verrà inserita, proprio per calcolare le giuste proporzioni e il ricambio d’aria necessario (pari a sei volte il volume della stanza stessa). Ricordatevi che una cappa funzionale dovrebbe avere una capacità di almeno 400-600mc all’ora. Anche la velocità con cui viene aspirata l’aria è importante e molto spesso regolabile, ovviamente più capacità e velocità aumentano più la cappa rischia di produrre quell’inevitabile rumore molesto. Esistono soluzioni efficienti per insonorizzare un minimo il vostro elettrodomestico, come l’utilizzo di protezioni o materiali fonoassorbenti, ma non abbastanza da eliminare completamente ogni rumore.