Pic-nic di primavera: pianificalo nel modo giusto

Pasquetta, ma non solo: con la bella stagione è tempo di trascorrere qualche pomeriggio o week-end all’aria aperta, godendosi un po’ di relax. L’importante è essere ben organizzati.

Pic-nic di primavera: pianificalo nel modo giusto
Yaroslav Shuraev Per Pexels
Tiscali Shopping

Pasquetta, ma non solo: con la bella stagione è tempo di trascorrere qualche pomeriggio o week-end all’aria aperta, godendosi un po’ di relax. L’importante è essere ben organizzati.

Dopo due anni di pandemia, lock-down, distanziamento sociale e mascherine. la voglia di trascorrere del tempo all’aperto stando in compagnia è alle stelle. Se il meteo lo consentirà, è facile prevedere che a Pasquetta ogni giardino, prato, parco e arenile sarà invaso di famiglie, gruppi di parenti e amici pronti a trascorrere del tempo insieme all’aria aperta e a godersi la tradizionale grigliata del lunedì.

Perché però limitarsi a Pasquetta? I pic-nic all’aperto sono un ottimo modo per cambiare aria, imparare a conoscere le aree naturali che si trovano a qualche ora di macchina da casa e concedersi un pomeriggio diverso e low cost. L’importante è non improvvisare, organizzando il tutto al meglio per godersi solo il bello di una giornata all’aria aperta, senza scocciature. Ecco cosa ti serve per un pic-nic perfetto.

Delimitare l’aria di sosta

In tanti si concentrano sull’occorrente per grigliare e cucinare, salvo poi scoprire che anche potersi sedere o sdraiare nel massimo confort ha una sua importanza. Per stare molte ore immersi nel verde senza rinunciare al confort sono tante le opzioni. Il consiglio è di partire dalla coperta con cui coprire l’aria di terreno che si vuole occupare: ce ne sono di economiche che si possono riutilizzare anche al mare e consentono di sedersi e sdraiarsi senza sporcarsi o assorbire l’umidità del terreno.

Se al vostro pic-nic siete in tanti o partecipano persone anziane o donne in gravidanza, ricordatevi di portare sempre con voi un paio di sedute pieghevoli dove possano riposare se affaticate, senza sedersi per terra.

Ripararsi dal sole

Più ci si avvicina l’estate e più le gite all’aperto e i pic-nic hanno un altro nemico da tenere a bada: il sole abbagliante; può generare caldo, afa e fastidiose insolazioni se si rimane troppo a lungo lontano dall’ombra.

Oltre a un classico, economicissimo ombrellone da spiaggia, negli ultimi anni si sono diffuse le tende triangolari note come vele. Si fissano in tre punti al terreno e creano un angolino sempre ombreggiato dove ripararsi o tenere il cibo e le bevande al fresco.

Anche l’ombrellone da esterno si è evoluto, arrivando ad assolvere più compiti oltre a quello di riparare e fornire un po’ di ombra. Su eBay si trova anche il gettonatissimo modello antivento e con il filtro contro i raggi UV, perfetto per posizionare le provviste o creare un mini angolo per i bambini, così che possano giocare senza allontanarsi troppo dalla famiglia.

Proteggersi dagli insetti

Se il pic nic è pronto a trasformarsi in una notte sotto le stelle o si svolge nei pressi di zone fluviali o palustri, volenti o nolenti insetti e in particolare le zanzare si auto-inviteranno alla festa. Il rimedio più veloce, semplice ed economico rimane lui, l’amato e odiato zampirone. Dura a lungo è economico e facile da utilizzare per ddèpSe qualcuno però è infastidito dal fumo degli zampironi (che ad alcuni causa reazioni allergiche), c’è un’alternativa ancora più semplice.

Esistono infatti in commercio svariati insetticidi formulati specificamente per l’utilizzo all’aperto. Seguendo le istruzioni sulla confezione si può creare una sorta di pellicola invisibile, dissuadere flora e fauna ad avvicinars. L’effetto, anche all’aperto, dura svariate ore.

Se proprio la zona è invasa d’insetti, rassegnati, armati di racchetta ammazza mosche elettrica e provvedi tu stesso a mantenerla libera da visite sgradite.