Scarpe da tennis senza calze? Meglio di no

D’estate la tentazione di non mettere le calze è alta, altissima…ma è un errore, sia per il piede sia per le vostre amate sneakers.

Scarpe da tennis senza calze? Meglio di no
Tiscali Shopping

La tentazione è forte con le temperature di questi giorni: indossare le sneakers estive senza calze. Non è raro vedere per le strade e in spiaggia persone che apparentemente indossano la scarpa senza calzine. In molti in realtà indossano comodi fantasmini o ankle socks, le calzine cortissime che arrivano a malapena a fare capolino dall’orlo posteriore della scarpa.

Perché, dato il caldo? Semplice: è la soluzione migliore per il piede e per la sneaker stessa. Non dimenticate infatti che le sneaker sono fatte per lo più di materiali tecnici e di origine sintetica: per quanto leggere e traspiranti, non sono pensate per stare a contatto a lungo con la pelle del piede e possono causare irritazioni e fastidi vari (o peggio: funghi!).

Il piede inoltre, si sa, a fine giornata tende ad essere poco profumato: il calzino è essenziale per catturare il sudore mantenendo il piede e la scarpa il più possibile fresche e asciutte. A fine giornata lo buttate in lavatrice e non ci pensate più. Le sneakers invece, contrariamente a quanto si pensi, non vanno assolutamente immerse nell’acqua, men che meno in lavatrice! Sono assemblate infatti con colle che, bagnate e immerse in acqua calda, potrebbero deformarsi e diventare più deboli, finendo per cedere. Per non parlare delle sneakers in stoffa, che tendono a perdere il loro colore ad ogni lavaggio.

Indossare le ankle sock è la soluzione per limitare i fastidi del calzino d’estate senza compromettere la salute del piede e lo stato delle sneakers. L’importante è sceglierle bene: in cotone traspirante, della giusta misura, di colori neutri che si notano il meno possibile.