Come scegliere il costume da bagno perfetto: gli errori da non fare

Nessuna prova costume da dover superare, solo qualche consiglio per chi è alla ricerca del modello perfetto per questa estate 2021

Tiscali Shopping

Conoscete la regola dell’acquisto perfetto? È molto semplice: se avete bisogno di un cappotto nuovo, compratelo durante le stagioni più calde, i prezzi saranno decisamente inferiori e avrete più tempo per scegliere. E il costume? Maggio sta finendo e voi ancora non avete trovato il modello perfetto da indossare durante le meritate vacanze?

Secondo la regola qui sopra citata siete già in ritardo, ma noi non siamo così fiscali e vi proponiamo una guida allo shopping per trovare il costume perfetto in base alle vostre caratteristiche.

Come valorizzare il seno

Ad ogni dimensione il proprio costume! Se quest’anno cercate un modello che renda giustizia al vostro décolleté, fate attenzione alle misure. Per chi ha un seno piccolo è sempre meglio puntare a dei modelli a fascia, magari che abbiano quanlche ruches, colori chiari o fantasie pazze, aiuteranno a creare quell’effetto ottico che raddoppia. Sconsigliato il triangolino (perfetto invece per chi ha un seno medio), le spalline a banda larga che danno la sensazione di schiacciato, e le imbottiture esagerate (vanno bene invece per chi riesce a riempirle un minimo).

Chi ha un seno importante e cerca qualcosa di più contenitivo, può optare per un pezzo di sopra più rigido, l’ideale sarebbe la coppa performata (sagomata sulla forma del seno, non imbottita ma con un sostegno garantito). Da evitare invece tutte quelle applicazioni che aumentano i volumi, a meno che non sia proprio questo il vostro obiettivo. Perfetti anche i costumi interi fascianti, con qualche drappeggio, un po' effetto nonna ma di quelle molto eleganti. 

La scelta dello slip

Anche in questo caso tutto dipende da quali sono i vostri punti di forza e quali invece i punti che considerate più deboli. Se siete stufe di vedere il vostro lato b sempre più piatto e schiacciato da mutandoni, quest’anno optate per uno slip a balze o ruches per creare un’illusione di rotondità.

Se invece preferite camuffare le forme, evitate qualunque dettaglio o fantasia che punti i riflettori solo sulla parte inferiore, scegliete colori più scuri e tessuti più contenitivi. Occhio alle culotte a vita media, segnano molto i glutei, accorciano la figura e stanno bene davvero a poche.

In generale ricordate che i modelli con i laccetti sono perfetti per chi ama stare più comoda e preferisce regolare da se la misura, ma per i cosiddetti fisici a pera (fianchi più larghi delle spalle per intenderci) questi slip tendono ad allargare ancora di più, meglio quindi optare per un paio di mutande regolari con un buon fit.

E per ottenere l’effetto gazzelle sollevate un po’ i lati dello slip (ma senza esagerare), accorcerete così il busto e darete qualche cm in più alle vostre gambe.

Spalle strette e spalle larghe

Se rientrate nella prima categoria puntate sempre sulle bretelle alle spalle, ancora meglio se con qualche applicazione in tessuto (per la solita questione delle illusioni ottiche) e se preferite il bikini, lasciate perdere l’allaccio dietro il collo, meglio un modello a fascia.

Le rappresentati della seconda categoria invece possono sempre optare per un monospalla sia bikini che intero, mentre sono da evitare i modelli interi olimpionici o lo scollo all’americana.

Valorizzare il punto vita

Se avete un fisico a rettangolo e il punto vita non particolarmente segnato, un trikini è l’ideale, insieme a tutti i modelli un po’ più asimmetrici e dalle forme a clessidra. Vi aiuteranno a stringere un po’ la vita, creando quell’illusione di curve che desiderate. Da lasciar perdere invece i modelli culotte a vita alta, magari anche in color block, che trasformano il busto in un tronco d’albero.

Addome pronunciato

La regola è quella di scegliere un costume dal tessuto contenitivo. Puntate inoltre su modelli a vita alta, come un bel paio di culotte, o direttamente un intero dai colori un po’ più scuri e senza fantasie. Occhio alle linee orizzontali, non sono buone amiche di chi cerca di camuffare le forme pronunciate.

E per concludere ancora qualche consiglio: non sarà presente nessuna giuria in spiaggia, le regole imposte dalla “filosofia” della bodyshape non sono dei dogmi. Seguitele solo se vi fanno stare meglio e scegliete i modelli con i quali vi sentite a vostro agio al 100%. Godetevi queste vacanze più che meritate e non scordate la protezione solare, il resto sono solo chiacchiere (da ombrellone).