Ottimizza il tuo streaming al massimo

Stufi del buffering e delle partite che si freezano? Eccovi qui alcuni consigli e una lista di prodotti per la soluzione del problema

ottimizza il tuo streaming al massimo
Tiscali Shopping

Film, telefilm, sport e soprattutto partite di calcio visionate in streaming e con dispositivi diversi dalla televisione. È il vento del cambiamento del consumo dello spettacolo, in questo inizio della stagione calcistica con l'aumento delle esclusive da parte della piattaforma DAZN. Servizio che per quanto strutturato e migliorato nella distribuzione sul territorio italiano, nel corso della prima giornata della Serie A si è trovato spiazzato per il volume di accessi alle dirette.

I problemi a monte della fornitura dei dati sono questione cui l'editore è chiamato a dirimere, ma partendo dal presupposto che il segnale giunga in casa senza difficoltà come fare per ottimizzare al massimo visione o ascolto di un segnale streaming? L'offerta in termini di programmi è sempre più vasta, recentemente lo sbarco anche in italia del canale Disney+ ha dato un'ulteriore spinta con milioni di abbonati, crescita esponenziale anche per altre piattaforme di riferimento come Amazon Prime Video, Netflix, Infinity, Rakuten. Aziende che hanno spiegato le vele, sospinte dal vento della pandemia che ha portato molti dei “segregati” in lockdown ad abbracciare vie alternative di intrattenimento.

Parliamoci chiaro, anche in presenza di un servizio di rete a fibra ottica si corre pur sempre il rischio di essere testimoni di una resa tecnica di qualità relativamente alta, depauperato da una limitata copertura Wi-Fi. Volendo essere veramente certi di disporre di tutto il segnale occorre optare per un cavo di rete fisico, con i classici attacchi RJ45 da entrambi i lati. È vero che le statistiche indicano che il televisore è sempre meno al centro dello spettacolo quando si tratta di streaming, ma tecnologicamente resta un punto di riferimento. Connettere a un ottimo televisore “smart”, capace di gestire segnali streaming senza perdita di qualità, un cavo di rete proveniente dal router è la soluzione più immediata, sempre che non ci sia troppa distanza tra i due. Peraltro ottimizzare lo streaming di casa significa poter usufruire al meglio anche delle offerte di videogiochi con accesso via rete, come il noto “Game Pass” per attingere a un vasto catalogo di giochi per piattaforme Xbox One, Xbox Series X|S, PC e Android.

Voglia di streaming e desiderio di essere adeguati ai moderni tempi tecnologici, complice il futuro passaggio al nuovo digitale terrestre (DVB-T2), possono condurre ad acquistare un nuovo televisore, possibilmente a risoluzione 4K. La scelta migliore in termini di qualità d'immagine resta legata agli schermi OLED a pixel autoilluminanti, che anche per questo (e per la sicurezza di una gestione d'immagine a 10 bit) hanno un costo superiore alla media. Volendo optare per una soluzione economicamente vantaggiosa che al tempo stesso offra il meglio dei servizi streaming mantenendo ampia la resa d'immagine i modelli non mancano.

È il caso del Samsung UE43AU8070U Crystal 43” pollici 

Televisore LCD a retroilluminazione LED, sfrutta il sistema operativo TIZEN proprietario attraverso il quale godersi un'esperienza multimediale di primo livello per qualsiasi piattaforma streaming e video on demand. A tal proposito è disponibile il servizio “Samsung TV Plus”, con accesso immediato a canali dedicati tra notizie, sport e intrattenimento anche su dispositivi mobili. È un servizio completamente gratuito che non richiede alcun download, iscrizione, carta di credito, abbonamento o dispositivo aggiuntivo, preinstallato su tutti i televisori a partire dal 2016. Inoltre questo televisore gestisce segnali video UHD /4K in HLG, HDR-10 e HDR-10+, ha un'ottima predisposizione anche in ambito gaming con la funzione “Real Game Enhancer” con tempo di risposta al di sotto dei 20 millisecondi, perfettamente utilizzabile come monitor per computer. 

Se invece il televisore fosse ancora in ottima forma, magari già compatibile col nuovo digitale terrestre DVB-T2 ma povero di servizi smart (spesso non aggiornabili) la soluzione più immediata ed economica è l'acquisto di un dispositivo esterno che dia l'accesso allo streaming desiderato. Prima di scegliere occorre sempre controllare se la piattaforma desiderata è inclusa nell'offerta o se sia integrabile scaricando la relativa app via rete. Prediligere dispositivi dotati di sistema operativo Android, come nel caso dello

Xiaomi Mi Box S 4K 

Oggi ancora più interessate per lo sconto del 50% sul prezzo di listino, questa unità aggiunge elementi smart al proprio televisore, attualizzandolo. Connessione Wi-Fi bibanda 2,4 e 5 GHz, Bluetooth 4.2, terminale audio/video digitale HDMI 2.0a + USB 2.0 (a cui connettere una periferica esterna come hard disk o chiavette con file audio/video), decodifica i seguenti segnali: 4K@60fps, VP9, H.265, H.264, MPEG1/2/4, VC-1, Real8/9/10 ed è in grado di gestire i formati video RM, MOV, VOB, AVI, MKV, TS, Mp4, 3D. Dispone di una memoria interna da 8 Gigabyte per accogliere le piattaforme preferite con precaricate TIMVision, Infinity, DAZN, Rai Play, Dplay, Netflix e qualunque altra piattaforma raggiungibile scaricando l'app da Google Play.

Chromecast integrato per inviare e gestire contenuti come video da smartphone, tablet o laptop direttamente allo schermo. Incluse le interfacce Plex e Kodi con elevato potenziale per sfruttare   materiale audio/video: locale per la prima e in rete con la seconda. In questo caso la connessione al router di casa avviene solo in wireless, ma l'offerta a due bande consente di ottimizzare il segnale. Ipotizzando un intasamento (condominiale) dei canali a 2,4 GHz si può sempre optare per il meno congestionato 5 GHz.

Le piattaforme per lo sport

Per le partite di calcio le app che impongono una scelta pressoché vincolante sono 2: DAZN e Mediaset Infinity. Nel caso di DAZN lo slogan della società con base a Londra recita “Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. 29,99 euro al mese”. Nonostante la più capillare diffusione del segnale di rete sfruttando i cosiddetti CDN (Content Delivery Network), le prime due giornate del campionato di Serie A sono state funestate da schermate nere con clessidre e bassa qualità video del segnale, tanto da spingere alcuni ad abbracciare il servizio satellitare/streaming di Sky. Chi non fosse servito da un dignitoso servizio Internet ma almeno riceve un buon segnale dal digitale terrestre può optare, certo non a buon mercato, per il DAZN TV Box o il Tim Vision Box. Sono gli unici sul mercato che integrano il decoder video Nagravision e quindi in grado di decodificare il segnale video criptato ricevibile sul canale 409. Anche disponendo di un tv di ultima generazione in questo specifico caso non si può sfruttare lo slot per l'inserimento della scheda CI+ per i programmi ad accesso condizionato. L'offerta prosegue con la piattaforma gestita da RTI di proprietà del Gruppo Mediaset: l'abbonamento è per il servizio Infinity+, che dallo scorso agosto offre la UEFA Champions League 2021-2022 per un totale di 92 partite, di cui 8 dei playoff e 84 dei gironi.   

Router

Ottimizzare lo streaming implica gestire al meglio il segnale di rete in ingresso nell'abitazione. Occorre disporre di un router possibilmente di ultima generazione, capace di instradare il segnale wireless senza fili tramite Wi-Fi. Come sopra detto in alternativa si può sempre pensare a un collegamento fisico via cavo. Attenzione alle sigle riportate nelle confezioni dei router e nelle schede tecniche, per cogliere al volo le opportunità di trasmissione in termini di rapidità e stabilità del segnale. Anche se in circolazione si trovano unità che offrono ancora il “Wi-Fi 1 - 802.11b” (solo banda 2,4 Ghz e 11 Mbps di velocità) occorre puntare alla massima velocità possibile. Per essere al passo coi tempi ci sono il “Wi-Fi 4 - 802.11n” (2,4 GHz o 5 GHz e 450 Mbps di velocità), il “Wi-Fi 5 - 802.11AC” (5 GHz a 1300 Mbps) e l'ultimissimo “Wi-Fi 6 -  802.11ax” ( 2,4 GHz o 5 GHz fino a 9,6 Gbps).

Mantenendoci relativamente bassi con il costo resta comunque un ampio parco offerte di router che forniscano un ineccepibile servizio di distribuzione del segnale digitale. Le due proposte che seguono sono adatte a partire da un segnale di rete da 20/30 Mbps, senza necessità di sostituzione se giungesse la fibra ottica.

 

D-Link Dir-x5460 router 

Wi-Fi 6, velocità massima 5.400 Mbps, trasmissione doppia banda, 6 antenne esterne e gestione MU-MIMO (Multiple User - Multiple Input / Multiple Output) grazie alla quale anche l'intenso uso contemporaneo di dati non provoca rallentamenti. WPS, 4 porte LAN, 1 porta WAN, 1 porta USB 2.0 + 1 porta USB 3.0, sicurezza connessione WPA/WPA2/WPA3. App dedicata e controllo parentale.

 

Netgear R7000 Nighthawk router 

Wi-Fi 5, velocità massima 1.900 Mbps, trasmissione doppia banda, 3 antenne esterne, WPS. Rete  Mesh integrabile tramite amplificatore separato: la cosiddetta “rete a maglie” dove ogni apparato di distribuzione del segnale di rete connesso al router principale è a sua volta un router o punto di accesso/nodo. Soluzione che aumenta il grado di copertura, velocità e stabilità anche in caso di malfunzionamento di uno dei suddetti nodi. 4 porte LAN, 1 porta WAN, 1 porta USB 2.0 + 1 porta USB 3.0, sicurezza connessione WPA/WPA2—PSK, accesso ospiti sicuro, app dedicata, controllo parentale. Supporto “Beamforming” dove il segnale Wi-Fi non viene diffuso uniformemente dalle antenne ma concentrandosi nella direzione della periferica.

Ripetitori di segnale

Volendo distribuire il segnale del router su più piani senza intervenire con costose opere murarie si può sfruttare il preesistente impianto elettrico, acquistando una coppia di unità dette “Powerline”: la prima connessa via cavo al router che lo ripete alla seconda, collocata su presa elettrica remota. Importante che entrambe siano collegate a una presa di corrente dedicata, senza altri apparati alimentati nello stesso punto che farebbero decadere la qualità del segnale. 

Molto interessante la seguente offerta Fritz! Box

AVM Fritz! Powerline 1240E + Powerline 1000E, 1200 Mbit/s Wi-Fi 

Coppia ricetrasmettitori da connettere alle prese elettriche, velocità 1200 Mbit/s, senza installazione software e pronti all'uso. Funzione ripetitore o come punto di accesso Wi-Fi fino a 300 Mbit/s - 2,4 Ghz. Attenzione che in questo caso è inclusa anche la rete “Mesh”. Compatibile con velocità 1200, 600, 500 e 200 Mbps, supporta lo standard IEEE P1901 e HomePlug AV2, per applicazioni che richiedono maggiore larghezza di banda.

 

Altra opzione tra semplicità e performance il sistema di ripetizione del segnale wireless Wi-Fi: la seguente proposta a bassissimo prezzo è pronta a fare miracoli (tecnologici)

Xiaomi Mi Wi-Fi Range Extender Pro